Danì Maison: casa, famiglia e tradizione

Chiusa la parentesi de “Il Mosaico”, ritroviamo Nino Di Costanzo nella veste di Chef e Patron di Danì Maison  a Ischia (NA).

Danì Maison

Immaginate di entrare dal cancello di una villa in campagna, di attraversare un verde giardino prima di raggiungere l’ingresso di questo Ristorante, all’interno del quale protagonista è una cucina autentica, dai veri sapori e in cui è fortemente tangibile il legame con la Costiera Amalfitana.

Solo 16 coperti

Qualcuno potrebbe pensare ad una scelta rischiosa, ma in realtà è ciò che permette di creare l’atmosfera magica che si respira. Qui lo Chef non è una presenza mistica, al contrario è presente, si aggira, serve i tavoli ed ha voglia di conoscere il cliente e la sua storia, ancor prima che possa accadere il contrario

Insomma, è lui, Nino Di Costanzo, silenzioso, umile, che ama il suo lavoro e la sua terra, esaltandola e rispettandola ogni giorno nei suoi piatti. E’ quella persona che ti racconta che lui tutti i giovedì si reca a Procida da Ischia per prendere il pesce…

“Perché sapete ragazzi, Ischia è un posto di Terra, a Procida invece trovi tutti i prodotti di mare!”

 

 Il menù di Danì Maison

6 i menù degustazione, varia la carta dei vini e delle acque.

Optiamo per il menù à la carte, ad accompagnare la lettura, un “corallo” di cialde di riso allo zafferano, prezzemolo, nero di seppia, polenta ed erbe.

Scelte le portate, è arrivato un carrello di olii da poter degustare con il buonissimo pane. Inizia, così, il nostro percorso nella cucina di Nino Di Costanzo.

L’entrée è una “passeggiata napoletana”

un vero tripudio di sapori di questa Terra in una serie di amuse-bouches che aprono la mente di chi degusta a quello che verrà.

Intreccio di zucchine ripieno di branzino marinato; insalata liquida caprese,cannolo nero pane,burro e alici; spugna di peperone verde; tartelletta con blu di bufala e pera candita; finta “papaccella”: peperone, pane, olive e capperi; parmigiana di melanzana a bicchiere e per finire finte mozzarelle con latte di bufala e lime.

Antipasto: Mare Nostrum

Tonno illetterato con salsa tonnata e ketchup; sgombro con burrata e pesto di rucola; alici marinate con provola e pane agli agrumi; gamberi e zucchine; tartare di branzino, cetrioli e pomodoro confit.

Due primi piatti per me!

Data la troppa indecisione ho deciso di provarli entrambi.

Pasta e Patate:

è una rivisitazione del “famoso” piatto della tradizione, preparata con 25 formati di pasta differenti accompagnati da 4 tipologie di patate: patata gialla,bianca,patate ratte e viola. Molto divertente, in questo caso, il gioco delle differenti consistenze e anche se all’apparenza gli ingredienti possono apparire “slegati”,la spuma apporta cremosità al piatto.

Brodo Maritato:

altra rivisitazione di un piatto della tradizione, si tratta di ravioli di scarola e coniglio con pollo,gamberi,salsa al parmigiano e in accompagnamento un brodo di gallina e una “leggerissima” aria al parmigiano. Mare e Terra si incontrano in questo piatto con sapori che si legano senza mai scontrarsi tra di loro.

Secondo piatto: Fumarole

Piatto che unisce gusto e presentazione,la cottura viene effettuata davanti agli occhi del cliente che può ammirarne la preparazione e captarne i profumi. Si tratta di un merluzzo cotto al vapore su pietre roventi e aromi,accompagnato da una brunoise di verdure.

Puliscono il palato, preparandolo al dessert:

due finti pomodori ripieni al passion fruit.

Apre la parentesi dolce “Cioccolati in tavola”

Un fantastico dessert servito direttamente sul tavolo.

Salsa al lampone,mango,cioccolato al latte e yogurt; fave di cacao tostate, spugna cioccolato e arancia; bavarese ai tre cioccolati; sfere di gelato al latte di bufala e cioccolato; cremoso al fondente e lamponi; spuma di gianduia e cialda croccante.

In accompagnamento al caffè “Torrefazione di Gianni Frasi”, Verona: 15 pezzi di piccola pasticceria serviti in una piccola cristalliera come un tempo le nonne erano solite nascondere i dolci ai loro nipoti.

Come vi sembra? Ci siete mai stati? Raccontatemi la vostra esperienza!

 

La Capitale accoglie la cucina peruviana: apre Pacifico
La chiamano Armani "Experience"