,

Tre consistenze di topinambour: in crema, al forno e in chips

Molto spesso ci capita di voler sperimentare nuovi piatti quando Alessandro è a casa, per poi organizzare una cenetta tutta per noi. Quello di cui vi parlo oggi è il risultato di un nostro momento di “sperimentazione” che parte dalla scelta dell’ingrediente e del tipo di lavorazione, per arrivare a creare il piatto così come lo vedete.

#Alethechef con la mia collaborazione, vi propone una ricetta dai colori e sapori invernali, che vi aiuterà a riscaldarvi in queste serate di freddo.

Si tratta di un piatto facile da preparare, in grado di stupire i vostri ospiti!

L’ingrediente protagonista non è molto conosciuto, ma saprà sorprendere anche i più scettici.
Si tratta del Topinambour, una pianta erbacea originaria del nord America e Canada, che si è naturalizzata anche nelle nostre terre ed è molto facile trovarla tra i banchi del supermercato in questo periodo. Ha le sembianze di una patata di piccole dimensioni ed il sapore dei carciofi, accanto ai quali è facile trovarlo.

La ricetta che abbiamo pensato per voi:

è una crema di Topinambour, sopra alla quale viene adagiato del Topinambour cotto al forno e delle chips di Topinambour.

topinambour

Ingredienti per 2 persone:

  • 7 Topinambur
  • 1/2 limone
  • 250ml di late scremato
  • 1 cipolla
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe in polvere

Per la crema:

  1. Pelare i topinambur, tagliarli in pezzi e conservare in acqua e succo di limone.
  2. Cuocere in acqua leggermente salata per 8 minuti e poi scolare.
  3. In una casseruola imbiondire la cipolla, tritata finemente, con un filo di olio d’oliva.
  4. Aggiungere i topinambur precedentemente sbollentati con il latte e cuocere per circa 20 min.
  5. Frullare con l’aiuto di un mixer. Aggiustare di sale e pepe.

topinambour latte

Per i Topinambour al forno:

Tagliare a metà i topinambour e condirli con olio e sale. Disporre i topinambour conditi su una placca da forno e cuocerli a 170° per 30 minuti.

topinambour al forno

Per le chips:

Affettare i topinambour finemente con una mandolina e friggerli in olio di semi a 170°, finchè colorano. Scolare su un foglio di carta assorbente.

Ed il gioco è fatto! Che ne pensate? vi piace? Scrivetemi o lasciate un commento se volete qualche nuova ricetta 😉

 

Le Polveri, un micropanificio a Milano
Colazioni per iniziare la giornata con il sorriso: il mio rituale mattutino.